DISTURBI DEL SONNO E MAG NOTTE

Quando   si    parla    di     disturbi     del     sonno,     si     pensa     immediatamente     all'insonnia. Sebbene gli studi epidemiologici degli ultimi anni abbiano confermato che l'insonnia è il disturbo più frequente, anche l'ipersonnia, cioè il disturbo opposto all'insonnia o le sindromi delle apnee morfeiche (OSAS)  sono più frequenti di quanto si potesse immaginare.

via Pinteres

via Pinteres

Prendendo spunto dagli Studi dell’Associazione americana che studia i disturbi del sonno (Association of Sleep Disordes Centers), sono state delineate quattro categorie di Disturbi del Sonno:

  1. Disturbi dell'inizio e del mantenimento del sonno o insonnie;
  2. Disturbi da eccessiva sonnolenza o ipersonnie;
  3. Disturbi del ritmo sonno-veglia;
  4. Disturbi associati al Sonno, a stadi del Sonno o a risvegli parziali, complessivamente chiamatiparasonnie.

Questi  disturbi  possono  colpire  tutti,  e  a  tutte  le  età,  e  i sintomi più  frequenti  sono relativi all'avere difficoltà di addormentamento, non riuscire a riposare bene o a sufficienza.

Spesso si manifestano nell'aspetto, con la presenza di occhiaie, borse sotto agli occhi, palpebre appesantite, e nel comportamento con ansia, irritabilità, nervosismo e una sensazione costante di stanchezza.

Se il sonno non viene disturbato da cause di origine psichica o alterazioni del bioritmo, prima di ricorrere ai farmaci è sensato provare soluzioni più semplici che aiutino a rilassare il corpo: come un bagno caldo o un massaggio.

 

COME DORMIAMO

Il cervello ha tre stati principali di attività e funzione:

  1. la veglia
  2. lo stato di rapid eye movement (detto più semplicemente stato REM) del sonno
  3. lo stato non-REM (NREM) del sonno.

E' durante il sonno REM, che abbiamo i nostri sogni più vividi. In questo stato, il cervello diventa elettricamente e metabolicamente più attivo. Infatti, letture elettroencefalografiche (EEG) effettuate durante il sonno REM sembrerebbero simili a quelle registrati quando si è svegli.

Allo stesso tempo, nella fase REM il cervello "disinserisce" automaticamente i muscoli. Anche in un sogno vivido ed estremamente movimentato, non si può reagire se non con attività mentale.

 

IL SONNO SANO

Il sonno sano consiste in una serie di cicli ricorrenti, da 70 a 120 minuti di lunghezza ognuno, di sonno NREM e sonno REM (figura 1). 

Un esempio di sonno normale è caratterizzato da 4 cicli che terminano ognuno con una fase REM di durata crescente, fino al risveglio.

 

COME ANALIZZARE IL SONNO

Prima  di  ricorrere  a  test  medici,  come  la  Polisonnografia,  è  possibile  farsi   un'idea  del  proprio sonno tramite apposite app e device (ad esempio gli orologi fitness).

Ho voluto in prima persona provare ad analizzare il mio ciclo di sonno e ho notato di avere un sonno disturbato e non ristoratore, con grafici molto diversi da quelli del sonno sano, accusando di conseguenza, stanchezza, spossatezza e relativi "sintomi" il giorno successivo.

 

 

LA MIA ESPERIENZA CON MAG NOTTE

COS'E' MAG NOTTE

IMG_9469.JPG

Mag Notte (link: https://www.ilmagnesio.it/la-gamma/mag-notte) è un integratore alimentare che aiuta a migliorare la qualità del sonno a base di Magnesio, Melatonina, Griffonia e Triptofano. E' indicato per chi ha difficoltà ad addormentarsi o si sente stanco al risveglio. Mag Notte aiuta a dormire bene favorendo il rilassamento e il benessere mentale ed è utile anche per alleviare i disturbi da jet lag. La sua assunzione si fa prima a dirsi che a farsi: essendo orosolubile, si apre la bustina e si versa il contenuto direttamente sulla lingua.

Mag Notte agisce contro i disturbi del sonno grazie alla sua TRIPLA AZIONE:

  1. Contribuisce a ridurre stanchezza e affaticamento grazie al Magnesio
  2. Aiuta a ridurre il tempo necessario ad addormentarsi grazie alla Melatonina
  3. Migliora la qualità del sonno grazie alla Griffonia, ricca in triptofano, precursore della melatonina e della serotonina, ormone che favorisce il rilassamento il benessere mentale

 

PERCHÉ' FUNZIONA

Il magnesio è un elemento fondamentale utilizzato dal nostro organismo in caso di stress; di conseguenza, in simili circostanze i suoi livelli calano fortemente. Tale elemento è inoltre cofattore di molti enzimi, tra cui quelli che regolano il sonno. L'abbinamento del magnesio a sostanze come  le vitamine lo rendono maggiormente sfruttabile dal nostro organismo.

La melatonina è un ormone prodotto naturalmente dal nostro corpo, ovvero dalla ghiandola pineale (o epifisi), ghiandola posta alla base del cervello. Agisce sull'ipotalamo regolando il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani, essa è prodotta anche da animali, piante (fitomelatonina) e microorganismi. Poco dopo la comparsa dell'oscurità, le sue concentrazioni  nel  sangue  aumentano  rapidamente e raggiungono il massimo tra le 2 e le 4 di notte per poi ridursi gradualmente con il mattino, poiché l'esposizione alla luce inibisce la produzione della melatonina in misura dose-dipendente.

La griffonia è una pianta legnosa della famiglia delle fabacee. Il suo estratto secco è un integratore alimentare utilizzato in erboristeria  ed  in  fitoterapia  per  le  sue  proprietà  di regolatore  dell'umore, del sonno e dell'appetito. La griffonia è ricca in triptofano: è un amminoacido che l'organismo umano non è in grado di sintetizzare e, per questo motivo, deve essere introdotto con gli alimenti; presente in particolar modo nelle proteine animali, si classifica tra gli amminoacidi essenziali. Oltre a partecipare alla costituzione delle proteine dell'organismo, interviene nella sintesi di serotonina e si è rivelato un rimedio abbastanza efficace e sicuro per favorire il sonno, data la sua capacità di alzare il livello nel cervello della serotonina e della melatonina.

 

IL MIO SONNO DURANTE E DOPO L'ASSUNZIONE DI MAG NOTTE

IMG_9543.JPG

Da come si può vedere dai grafici, il mio sonno, durante e dopo l'assunzione di Mag Notte è decisamente migliorato, aumentando la percentuale di qualità del sonno (secondo l'app Sleep Cycle) dal 59% fino ad un picco massimo del 97% e creando delle costanti curve di fase di sonno profondo e fase REM tipiche del sonno sano.

 

Per avere maggiore efficacia da parte dell'integratore, ho prestato attenzione a non usare il cellulare o altri schermi luminosi quando mi coricavo, a creare oscurità nella stanza e preferire alimenti che digerisco bene a cena.

 

Ricordate che gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano.

 

 

NonMangioStranoMangioSano